Le nuove misure a favore di start up e incubatori

 

Garanzie più facili e convenienti per start up innovative e incubatori certificati, così come definiti dal decreto legge 179/2012. L'entrata in vigore dei criteri e delle modalità semplificati di accesso al Fondo di garanzia è stata comunicata dalla circolare di MCC n. 652 del 26 luglio 2013.

L'operazione non deve essere assistita da garanzie diverse da quelle del Fondo. Il soggetto richiedente deve acquisire, tramite l'allegato 4 alle Disposizioni operative, la dichiarazione di iscrizione della start up o dell'incubatore alla sezione speciale del Registro delle imprese (istituita sempre dal decreto legge 179/2012).

In questi casi il Fondo interviene, per tutte le tipologie di operazione, senza valutazione dei dati di bilancio del soggetto beneficiario, a titolo gratuito e con priorità di istruttoria. Inoltre l'importo massimo garantito è pari a 2,5 milioni di euro, la misura della garanzia diretta è pari all'80 per cento, al pari di quella della controgaranzia (a condizione che la garanzia in prima istanza di confidi o altri fondi non superi l'80 per cento).

Qualora manchi la dichiarazione di iscrizione nella sezione speciale o vengano acquisite ulteriori garanzie rimangono in vigore le modalità ordinarie. Nel secondo caso, però, è fatta salva la gratuità dell'intervento.

 

Le agevolazioni fiscali previste

 

In loro favore sono previste una serie di agevolazioni fiscali, che vanno dall'esclusione dalla disciplina delle società di comodo all'esenzione dal versamento dell'imposta di bollo, dai crediti di imposta in favore delle nuove assunzioni alle detrazioni Irpef e deduzioni Ires in favore degli investitori. Il quadro completo, nella circolare 16/E del 2014.

 

Link al Ministero dello Sviluppo Economico START UP INNOVATIVE

 

****************************************************************

 

COME FARE PER...: Le imprese nel settore delle Comunicazioni

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le comunicazioni - dedica una sezione del portale agli operatori d’impresa nel settore della COMUNICAZIONE per rispondere all'esigenza di esercitare la propria attività nel rispetto della normativa di settore. Per saperne di più collegarsi da questo link.

 

LE IMPRESE IN DIFFICOLTA'

 

Per le imprese in difficoltà, il Ministero mette a disposizione una serie di strumenti per fronteggiare le diverse tipologie di crisi industriale, da quelle relative alle singole imprese, fino alle situazioni di difficoltà più complesse che coinvolgono intere aree e/o settori produttivi di interesse strategico per lo sviluppo del Paese.

Tra questi la Struttura per le Crisi d’Impresa, istituita per sviluppare strumenti di contrasto al declino dell’apparato produttivo italiano. Tutte le informazioni a questo link.